lunedì, settembre 22, 2008

Latte alla melaniNa, un nuovo abbronzante?

Questa sera ascoltando la radio sono rimasto basito dalla notizia dell'avvelenamento di decine di migliaia di bambini cinesi a causa della contaminazione del latte con la Melanina.

La melanina è un prodotto essenziale per la vita in quanto contenuta nella nostra pelle ci mette al riparo dalle radiazioni solari che non sono come una leggenda metropolitana racconta salutari, ma molto dannosi. Abbronzarsi è una pratica pericolosa da condurre con le dovute cautele ed assolutamente da evitare nei bambini, ma questo è un discorso che ci porterebbe troppo lontano.

A parte il fatto che non mi risulta che la melanina sia tossica non riuscivo a capire come potesse essere successo che la melanina fosse arrivata, in quelle quantità, nel latte.

La sostanza incriminata non è la melaNina come tutti stanno dicendo e scrivendo, ma la melaMina, un prodotto chimico utilizzato per la produzione di materie plastiche.

Mi chiedo come sia possibile che un errore del genere sia passato sotto gli occhi di centinaia di giornalisti senza che a nessuno minimamente se ne accorgesse o comunque fosse abbastanza incuriosito da controllare su un libro!

Evidentemente il turbinio di acritico copia e incolla ha oramai azzerato i filtri del buon senso!

I blogger non sono alieni al problema: al momento se faccio una ricerca su blog search di Google con i termini "latte melanina" ne saltano fuori alcune centinaia.

Forse varrebbe la pena rallentare un poco la angoscia di pubblicare rapidamente e magari fare controllare le notizie da chi ha un minimo di cognizione della materia che viene trattata!

La storia tra l'altro ha dell'incredibile perché la melamina non viene da qualche problema negli impianti, in quelle quantità sarebbe impossibile, ma viene volutamente aggiunta al latte perché aumenta la lettura del tasso proteico nelle analisi e non viene controllata.

Se vi interessa trovate la storia ben illustrata qui.

La formula della melamina è quella riportata in cima al post, quella della melanina, o meglio di una delle melanine perché è una famiglia di prodotti, la vedete qui sotto e non serve essere un chimico per capire che stiamo parlando di prodotti piuttosto diversi.
bob

18 commenti:

  1. Sto seguendo la vicenda e ti assicuro che ci sono 10-15 take Ansa al giorno, e tutti correttamente parlano di "Melamina". Ergo i giornalisti a cui ti riferisci sono semplicemente rimbambiti, pigri o ignoranti...

    La uno, la due o la tre???

    RispondiElimina
  2. veramente anche io sono andata a documentarmi su internet perchè non riuscivo a capire come mai la melanina era diventata un elemento tossico e ho scoperto così che si tratta di melamina.possibile che ai giornalisti sia sfuggito un così grave errore di ( grammatica)?

    RispondiElimina
  3. Ho fatto un po' di ricerche con Google per qualche testata giornalistica, tipo

    "melanina" + latte + cinese site:rai.it

    Non si salvano Corriere, La Stampa e RAI Televideo...

    RispondiElimina
  4. @mauro Ansa ha battuto sbagliato dal 15 al 19, poi qualcuno se ne accorto e hanno corretto da quella data in poi, i giornali e i blog hanno fatto copia e incolla.

    bob

    RispondiElimina
  5. Oops... Allora il rimbambito sono io...

    RispondiElimina
  6. "Scandalo latte: il governo ha paura di proteste sociali e minaccia gli avvocati"

    http://www.asianews.it/index.php?l=it&art=13294&theme=1&size=A

    RispondiElimina
  7. da chimico confermo che la sostanza inquinante deve essere la melammina, infatti è così che si scrive in italiano, con 2 emme. La molecola ha infatti ben 3 gruppi amminici, non aminici. Il problema è che ammina in italiano ha 2 m, in inglese è amine, una m sola. Da melamine a melanine il passo è breve, anche se la differenza chimica notevole.
    nel mio lavoro devo scrivere molte volte la parola ammino acido, in italiano con 2 m, quindi lotto con il correttore di word che propone il termine anglofilo amino acido, da amino acid. Io sono fermamente convinto dell'evoluzione del linguaggio, che moti termini cambino con il tempo, etc. certo prendere lucciole per lanterne è grave.
    Quello che poi mi stupito dei mass media è che pochi o nessumo si posti la domanda da dove saltasse fuori questa molecola, ho sentito dire anche dalla scarsa qualità igieniche delle linee di produzione!
    In realtà è una truffa, uno può diluire con acqua e la melammina aggiunta "corregge" la determinazione del contenuto proteico.

    RispondiElimina
  8. @anonimo Hai ragione, avendo studiato negli stati uniti e lavorato sempre in inglese ho nella testa la nomenclatura iupac melamine, grazie per la correzione.

    Sai credo che il problema sia nel fatto che probabilmente è una adulterazione che va avanti da anni, ma hanno esagerato con le dosi non tenendo conto del fatto che la melammina ha un fenomeno di accumulo.

    Qualche cosa di simile è successa molti anni fa in Italia con il vino al metanolo.

    bob

    PS sono anch'io un chimico

    RispondiElimina
  9. hai proprio ragione in italia ormai giornali e i telegiornali hanno come unico obiettivo l'odience e quindi non si soffermano sull'approfondimento della questione. i telegiornali si sono trasformati da mezzi d'informazione a necrologi, le uniche notizie che attirano l'attenzione della gente sono i fatti di cronaca nera.
    in questo caso è inammissibile che così tanti giornalisti non approfondiscano gli argomenti che scrivono. ormai le notizie dei vari avvenimenti di attualità non si possono più trovare nel giornale o nel telegiornale.

    RispondiElimina
  10. Roberto: purtroppo i giornali e i media in genere mancano della figura (che esiste all'estero) del "fact checker" e di un readattore scientifico che controlli che non scrivano castronerie. Tu citi il vino al metanolo, ma ti voglio ricordare qualche mese fa la "bolla di sapone" del "vino al veleno", l'inchiesta dell'Espresso.
    Io sul mio Blog sono stato uno dei pochi (e dei primi) a far notare le castronerie chimiche che avevano detto (sono un chimico anche io). Purtroppo devo dire che i Blog sono anche peggio: tutti vogliono scrivere qualche cosa (per finire in home page di BB?) sull'argomento "hot" e semplicemente fanno copia e incolla. E c'erano decine e decine di post che semplicemente copiaincollavano (o linkavano) l'articolo dell'Espresso

    Nel mio piccolo mi occupo di biotecnologie, e quando devo cercare informazioni serie e controllate non le trovo quasi mai sui Blog, che invece fanno spesso a gara a riportare miti, leggende o semplicemente castronerie.
    Una volta si diceva "l'ha detto la televisione". Ora pare che se sta scritto sul web allora è vero per forza (e taciamo di wikipedia...)

    ciao Dario

    RispondiElimina
  11. mi ero collegato proprio per capire come si diceva... con la m o con la n? e pensare che proprio ieri sono stato corretto quando l'ho detto con la m!!!

    RispondiElimina
  12. a me è venuto quasi da ridere...se non fosse che è abbastanza scandaloso! In effetti non capivo che cosa c'entrasse la melanina nell'adulterazione del latte...
    amelie.splinder

    RispondiElimina
  13. Questo articolo e' BELLISSIMO.
    Per come la vedo io la cosa, sarei anche meno ironico sulla COPIA-INCOLLA-MANIA. Quello che doveva essere uno strumento illuminante, sta diventando una FONTE INESAURIBILE DI DISINFORMAZIONE e passaggi di nozioni e notizie che ricordano molto IL TELEFONO SENZA FILI. Fanno ancora fare questo gioco alle elementari? Io l' ho fatto; insegnava come un MESSAGGIO, man mano che passava di orecchio in orecchio perdesse di SERIETA' E CHIAREZZA... alla fine il risultato era una BAGIANATA COLOSSALE SU CUI RIDERE.
    Ecco, questo e' un po' quello che succede ora con (cito) " IL TURBINIO ACRITICO DI COPIA-INCOLLA ".
    A questo aggiungiamo la CONCEZIONE DI DEPOSITARIO DEL VERO che si ha di Google et similia, per il quale: " L' HO VISTO SU GOOGLE, QUINDI E' VERO".

    Peccato solo che poi magari UN ADOLESCENTE fa passare in un forum o in un blog che la canzone PIAZZA GRANDE sia di Francesco De Gregori e poi arriva l' altro adolescente (o adulto acritico) a COPIARE INCOLLARE e cosi' l' ERRONEA NOZIONE prende OSSATURA E CORPO, tanto da risultare poi nei PRIMI RISULTATI DI RICERCA del "Docente" Google!

    Dal mio canto, mi posso solo ACCODARE alla velata denuncia che fa Lei Sig. Dadda, e invitare i fruitori di Internet a discernere; io ad esempio arrivo sempre ALMENO fino alla terza pagina di Google; inoltre, DI OGNI TESTO, faccio sempre un paragone con altri due ... ed e' li' che si scopre il FAMIGERATO COPIA-INCOLLA, perche' la GENTE/MASSA sottovaluta ormai IL POTERE DELLA PUNTEGGIATURA, omettendola, o, mettendola A CAPOCCHIA! Non capendo che invece quella E' LA CARTA D' IDENTITA' DELLO SCRITTO!

    RispondiElimina
  14. Signori... IL PUNTO E VIRGOLA E' MORTO ! Le K al posto del CH si elargiscono come CALDARROSTE d' inverno... ma quelle che non si riescono a SBUCCIARE!!! Gli incisi sono un altro optional NON DI SERIE!

    E ... e... L' ARTICOLO INDETERMINATIVO MASCHILE!!!!!!!!!

    senza apostrofo...SENZA APOSTROFO!!!

    "Un altro" si scrive cosi'!

    Ergo, anche " QUALCUN ALTRO" si scrive cosi'.

    Qual e'... SENZA APOSTROFO!!! PURE!!!

    Se vi state chiedendo perche' uso gli apostrofi al posto dell' accento ve lo spiego subito:

    uso gli apostrofi al posto dell' accento perche' GRAZIE a Dio ho imparato a digitare su una OLIVETTI, ho fatti in tempo da 33enne quale sono... e oggi ne sono ancor piu' compiaciuto perche' SE NOTATE, alcuni COPIA-INCOLLA vengono fatti su diversi FRAME-INTERFACCIA che SPESSISSIMO traducono i caratteri accentati con delle sorte di IDEOGRAMMI, e sinceramente se ne ha gia' ben donde di CUORICINI, lettere scritte al contrario, o altri strani artifici "stilistici" inventati per gli adolescenti avvezzi a Messenger e chat, quindi...lo faccio per una questione di ORDINE, nel caso in cui qualche mio scritto venga ESPROPRIATO, perlomeno che non perda la sua natura.
    E dire che DAI GEROGLIFICI, c'e' qualche millennio di "evoluzione"! E MAGARI QUESTI "CARATTERI ESTROSI" AVESSERO LA STESSA VALENZA DEI GRAFFITI DEI LORO PREDECESSORI !

    Riappropriamoci della GRAMMATICA ITALIANA, DEL LESSICO E DELLA SINTASSI... forse la LINGUA PIU' BELLA DEL MONDO, sicuramente la piu' degna erede dell' ETIMO.

    Concludo: se con internet si vuole URLARE la propria opinione e si desidera che questa VENGA PRESA IN CONSIDERAZIONE, penso che sia il caso di scriverla correttamente, non foss' altro che per NON PRIVARLA DI SERIETA'.

    Scrivere... non sara' MAI una funzione fisiologica.

    Grazie per aver letto.

    Eros (vero nome)

    RispondiElimina
  15. Adesso si accusa il Web, prima la TV e prima?? Vivevamo, o meglio, vivevano forse nell' età dell' oro? I luoghi comuni, gli allarmismi, ecc. sono sempre esistiti..la mia impressione è che oggi si facciano comunque meno danni Qui, nell' occidente del Web non bruciamo più ne le streghe ne le minoranze religiose vere e proprie, non è già un bel progresso? Con questo non voglio affermare che l' occidente sia superiore, e nemmeno che qui non si corra il rischio di un ritorno a forme di razzismo diffuse e "governative"; sono solo infastidito dai continui e spesso "inconsci" attacchi alla modernità. Il mondo d' oggi è tutt' altro che perfetto, ma ieri non era migliore.
    @eros: la bella lingua di cui parli è quella del Manzoni e di pochi intellettuali. Il popolino non l' ha mai parlata. Chi come me si esprime in un pessimo Italiano scritto dovrebbe impegnarsi e migliorare. Detto questo l'Italiano "alto" è una lingua bella e nobile proprio perché non adatta all' uso comune. Infine l' Italiano non esiste dalla notte dei tempi ma si è evoluto e continuerà ad evolversi.

    enki (nome fittizio)

    RispondiElimina
  16. oddiooooooooooo, allora non sono cosi scema come temevo , mi scervellavo anch'io a capire quale diamine fosse il collegamento tra una proteina prodotta dal nostro oganismo e gli effetti tossici sul latte!!aaah finalmente ho levato quest dubbio atroce , ora dormirò sogni più tranquilli sapendo che la melanina rimarrà confinata nella nostra pelle!!!

    RispondiElimina
  17. sono laureato in biologia e attualmente insegno scienze e alimentazione in un istituto privato. Per avere qualche approfondimento riguardo allo scandalo cinese sulla melamina, ho pensato di ricorrere al vecchio espediente insegnatomi dai miei docenti: faccio fare una ricerca ai miei studenti. Il risultato è stato un confuso e disperato tentativo di conciliare mondo organico ed inorganico. Qualcuno suggeriva che i cinesi avessero trovato vantaggioso mettere della crema abbronzante nel latte per renderlo più denso. Il punto è che sono ancora diviso fra la tentazione di premiare chi ha faticato per dare un senso logico agli starfalcioni di internet e la necessità di castigare chi ha prediletto internet come unica fonte principale di informazioni attendibili.
    O tempora, o mores...

    RispondiElimina
  18. Io sono quasi certa (aggiungo il quasi per umiltà) che l'esatta pronuncia sia Melàmina o Melàmmina (accento sulla a) e non melamìna (accento sulla i). Il che allontanerebbe ancora dalla confusione con la melanìna
    Mi stupisce comunque che molta gente ignorasse l'esistenza della melàMina dato che è il costituente delle superfici delle cucine componibili

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget

Qualche esperimento...