sabato, aprile 04, 2009

La fantasia al potere...


Mia figlia, dodicenne, da sempre abituata ai giudizi e non ai voti numerici da quest'anno ha cominciato a esprimersi in entrambe le notazioni: "Ho preso ottimo cioè 10...".

Quando le ho detto che sarebbe stato meglio abbandonare la notazione non ufficiale ed esprimersi solo con i voti mi ha risposto che sono le sue professoresse che usano questa modalità, guardando un compito in classe mi sono accorto che aveva ragione.

L'altro giorno ho chiesto nella riunione di classe genitori-docenti spiegazioni sul come mai non si utilizzasse la modalità ufficiale e la risposta mi ha lasciato stranito: non è vero che siamo tornati ai voti, ma il voto sarà in pagella mentre durante l'anno si utilizzano ancora i giudizi con la aggravante che il numero dei giudizi è diverso da quello dei voti ragion per cui l'otto si sono dovuti inventare una indicazione, che non ricordo, speciale e lunghissima.

Voi riuscite a immaginare un approccio meno logico al problema?

Ci manca solo di mettere le lettere come in USA e di esprimere lo stesso voto in tre modi diversi...

Un'altra cosa mi ha colpito: ricordate il nostro premier quando affermava che la conoscenza delle lingue straniere è uno dei fattori alla base della competutività della nazione? La logica vorrebbe che dopo quelle affermazioni ne facesse aumentare le ore: errore, le ha diminuite!!!

bob

PS Chissà a cosa pensava il Ministro quando hanno scattato questa fotografia? Molto probabilmente alla logica della sua riforma...

10 commenti:

  1. io non penso che sia stata la ministra a chiedere giudizi durante l'anno e voti in pagella.. voglio sperare che sia una scelta autonoma dell'istituto/preside..
    io di per me sarei per la scuola bilingue da subito..

    RispondiElimina
  2. Che sia il ministro in persona non credo, ma vorrei sperare che lei la riforma se le sia letta prima di firmarla.
    Certo NON è una iniziativa della scuola che se anzi ne lamenta la follia.

    bob

    RispondiElimina
  3. I miei figli sono grandi e... egoisticamente non sto seguendo molto la vicenda. Sulle ore della lingua non so che dire... tranne che il problema in genere non è nel numero di ore ma nel come vengono fatte. Però invece mi colpisce di più la storia dei voti: il pregio dei numeri è che il voto è univoco, non c'è dubbio che 7 è più di 6. Invece io non ho mai digerito che "mediocre" sia meno di "sufficiente"...

    RispondiElimina
  4. Poi ci si chiede come mai molti incapaci sono al potere nel pubblico e nel privato.

    RispondiElimina
  5. cosa ti ha risposto il ministro quando gli hai scritto la lettera in cui la informavi che in questo post, su questo blog la stavi criticando? perchè tu le hai scritto una lettera vero? non vorrai mica dire che hai dileggiato il ministro senza avvertirlo in modo che potesse rispondere? ehhh no... certe cose non si fanno!

    RispondiElimina
  6. @Luca Se non hai ancora capito la differenza tra una critica a un personaggio pubblico e quella ad un privato forse vale la pena che tu ti avvicini un poco di più al mondo della comunicazione.

    Io il ministro non la conosco, e faccio intendiamoci volentieri a meno di conoscerla, a te ho stretto la mano più volte, tu ti dichiaravi mio amico in Facebook fino a questa mattina quando ti ho tolto dalla lista degli amici.

    Lo scherzo permanente non è che la maschera dietro la quale si nascondono quelli che non hanno o non sanno trovare veri argomenti di discussione.

    Del resto la critica al ministro è qui motivata, condivisibile o non condivisibile, ma motivata, la critica che tu porti nel filmato ai miei post non ha alcuna logica motivazione.

    bob

    PS Per chi pensasse che Sartoni è impazzito e io con lui perché gli rispondo preciso che questo è un commento completamente OT che si riferisce in realtà al post successivo. Ci sono ancora in rete newbie che non conoscono la netiquette, bisogna essere pazienti, impareranno anche loro.

    RispondiElimina
  7. @Roberto: ma io continuo a dichiararmi tuo amico. Sei tu quello che non lo vuole più dichiarare e che adora questa ostilità che ti fa sentire bene con te stesso.

    La mano me la stringevi solo perchè non ricordavi chi io fossi, mica per altro.

    Allora dimmi, uomo privato, perchè ieri non mi hai avvertito del post contro di me, altro uomo privato?

    E grazie per la paternale sulla netiquette, mi mancava proprio. Non vorrei mai dimenticarmi quanto sei arrivato prima di tutti noi. Sai dicendocelo solo ogni tre frasi potrebbe passarci di mente.

    RispondiElimina
  8. @Luca, ma come ti permetti di insultarmi in questo modo?

    "Sei tu quello che non lo vuole più dichiarare e che adora questa ostilità che ti fa sentire bene con te stesso."

    Non sono qui a farmi insultare dal primo ragazzetto spocchioso che si sente toccato nel vivo da quello che dico! Stai al tuo posto!
    Non ti ho scritto perché so che mi leggi, purtroppo dico a questo punto perché di lettori come te faccio volentieri a meno credimi.

    La netiquette la conoscerai anche, allora usala e non fare post OT.

    Dici: "Non vorrei mai dimenticarmi quanto sei arrivato prima di tutti noi. Sai dicendocelo solo ogni tre frasi potrebbe passarci di mente."

    Bene

    Adesso i casi sono due: o tu indichi dove io ogni tre frasi dico di essere arrivato prima o qualcuno potrebbe pensare che sei un patetico buffoncello che scrive frasi a caso e credimi non lo vorrei proprio.

    Dai elenca, mi basta una volta ogni sei frasi...

    dadda

    RispondiElimina
  9. Roberto, non è mia intenzione offenderti. Vuoi avere ragione per forza, ok hai ragione per forza. Vuoi far finta che io non abbia alcun argomento? ok non ho argomenti. Continuerai questa manfrina dicendo che mi sottraggo al confronto? ok mi sto sottraendo al confronto. Hai ragione tu, hai sempre ragione tu. E io sono un ragazzetto spocchioso che stavolta ha imparato una lezione. Una lezione da Roberto Dadda. Sono proprio fortunato. Ciao

    RispondiElimina
  10. @Luca Sei PATETICO! Parti dicendo che non mi vuoi offendere e poi passi ad una serie di offese pesantissime.

    Se avessi almeno vagamente il coraggio di riconoscere quello che dici nella sua vera natura saresti fastidioso, ma almeno serio, così rischi di fare la figura del buffone.

    Il tutto come sempre senza MAI entrare minimamente nella sostanza del discorso.

    Del resto quando uno dice idiozie tanto per scrivere è difficile poi fare un discorso serio: dove sono le citazioni di dove io direi ogni tre frasi che sono arrivato prima.

    E' facile sai? Cerchi le frasi, le conti, le citi, conti le altre frasi, fai la divisione...

    Certo se il numero che risulta è enormemente inferiore a tre tutti sapremo trarre delle conclusioni.

    bob

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget

Qualche esperimento...