venerdì, agosto 06, 2010

Leggendo la proposta del Codice Azuni...




Della proposta di un codice per la "governance" della rete ho appena parlato.

Questa mattina mi sono messo a leggere il documento sul sito per capire veramente cosa abbiano in mente e nella introduzione leggo:
«Internet è il fenomeno che maggiormente, nella storia dell'umanità, ha rivoluzionato regole, processi e abitudini sociali,
Francamente trovo questa affermazione di partenza un poco esagerata, al limite dell'irragionevole. Davvero questi signori pensano che regole, processi e abitudini sociali siano state modificate dalle rete più di quanto non le abbia modificate l'invenzione della stampa che ha reso possibile la diffusione capillare delle notizie e della cultura prima impossibile?

Davvero pensano l'effetto della rete maggiore si quello del telegrafo e del telefono che hanno reso disponibile la comunicazione diretta a miliardi di persone, mentre prima la cosa era riservata a chi si poteva permettere un messaggero a cavallo?

Davvero questi signori pensano che l'effetto della rete sia superiore a quello della macchina a vapore che, rendendo possibile la industrializzazione, ha mosso masse bibliche dalla campagna alla città?

Non mi pare un buon punto di partenza...

bob

6 commenti:

  1. Beh, a me (conoscendo i presupposti, ovvero la volontà di incasellamento e controllo) la logica appare chiara: l'eccezionalità del fenomeno giustificherà l'eccezionalità delle misure restrittive.
    Se si trattasse di una semplice evoluzione della quesione-stampa, come dici, non ci sarebbe bisogno di agitarsi tanto. E comunque, anche in quel caso, l'ipotesi del "direttore responsabile" (che significa un iscritto all'Ordine dei Giornalisti, per chi non lo sapesse) per i blog apparirebbe quasi normale.

    RispondiElimina
  2. è comunque sempre difficile valutare un fenomeno mentre lo si vive...

    RispondiElimina
  3. @williamnessuno Concordo, ma per la precisione va detto che il direttore responsabile non necessariamente deve essere un giornalista, ma esiste un albo speciale dove vengono iscritti i direttori designati dall'editore anche se non hanno le caratteristiche per entrare nell'ordine. Nel caso del blog io sono l'editore e, presumo, potrei nominare direttore me stesso.

    RispondiElimina
  4. Bob, si, lo e' da ogni punto di vista statistico, aldial' di ogni dubbio. Per diffusione, economia generata, tempo necessario agli effetti sociali, ecc. Il broadband always on ha 10 anni. (e' quello a cui ci si riferisce, mica all'NCP)

    RispondiElimina
  5. @Stefano, a parte il fatto che non è quello che c'è scritto, tu davvero pensi che la rete, anche broadband e always on, possa essere "il fenomeno che maggiormente, nella storia dell'umanità, ha rivoluzionato regole, processi e abitudini sociali,", più dell'industrializzazione, della stampa e del telefono?

    io ho serissimi dubbi...

    roberto

    RispondiElimina
  6. io non ho alcun dubbio. a 10 anni dalla nascita del resto non era successo nulla. oggi abbiamo linee aeree lowcost, delocalizzazione della produzione, sgretolamento dei controlli degli stati, ribaltamento della proprieta' intellettuale, sviluppo esponenziale della ricerca.

    forse io seguo troppo kurzweil, ma, come lui, non ho dubbi.

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget

Qualche esperimento...