giovedì, novembre 09, 2006

La sindrome del Titanic...

Martedì quando l'antivirus della mia macchina mi ha informato di avere messo in quarantena una mail perché conteneva uno worm W32/Kapser.A@mm , meglio conosciuto come Kama Sutra, sono saltato sulla sedia


Di virus e di worm come tutti ne ricevo molti, ma quello che mi ha colpito è stato il mittente della mail: Google ed in particolare il servizio di segnalazione delle novità di Google Video.


Considerando impossibile che uno worm tanto datato, la prima segnalazione è del 26 gennaio 2006, fosse sfuggito ai controlli di un operatore importante ed attento come Google ho smanettato per un poco per cercare di capire cosa fosse successo. Alla fine ho cancellato la mail e me ne sono dimenticato.


Ieri la mail di Google che si scusa per l'accaduto e promette di fare tutto il possibile perché non accada più. Una ricerca in rete mi ha mostrato di essere in ottima compagnia: di mail infette pare ne siano state inviate più di 50.000!


Il messaggio è anche sul blog:


On Tuesday evening, three posts were made to the Google Video
Blog-group that should not have been posted. This has now been
addressed and fixed.

Still, some of these posts may have contained a virus called
W32/Kapser.A@mm -- a mass mailing worm. If you think you have
downloaded this virus from the group or an email message, we recommend
you run your antivirus program to remove it. If you do not have an
antivirus program, you can download Norton AntiVirus software for free
from the Google pack,

http://pack.google.com/intl/en/pack_installer.html?nopers

We're sorry for any inconvenience, and we're taking steps to ensure
that this doesn't happen again.

The Google Video Team


Qualche settimana fa uno dei blog di Google era stato violato con la esposizione di un annuncio fasullo. Poco prima un intero blog era stato cancellato per errore.

Credo che l'accaduto possa servire a tutti noi per considerare come anche quando ci si sente sicuri non bisogna abbassare la guardia perché gli incidenti possono comunque sempre succedere.

Del resto probabilmente se non avesse considerato il Titanic inaffondabile il capitano Edward Smith, alla segnalazione della presenza di ghiaccio alla deriva ricevuta con la neonata radio, invece di proseguire imperterrito sulla sua strada avrebbe scelto una rotta più a sud...

Nessun commento:

Posta un commento

Si è verificato un errore nel gadget

Qualche esperimento...