martedì, maggio 08, 2007

Semmelweis, chi era costui?

Dopo la pubblicazione del post sugli untori un paio di amici mi hanno scritto per chiedermi chi fosse quel Semmelveis che ho messo di fianco a Pasteur.

Pasteur come credo tutti sanno è il biologio francese che ha fondato la microbiologia. Ignác Fülöp Semmelweis è un suo contemporaneo che lavorò come medico nella clinica universitaria di Buda in Ungheria.

A quel tempo non si aveva una chiara idea della natura delle malattie trasmesse da agenti patogeni e i chirurghi non applicavano le norme di sterilità oggi tanto importanti limitandosi ad un lavaggio molto approssimativo delle mani operavano senza guanti e senza camice.

Una delle forme si sepsi più spaventose era la febbre puerperale: un impressionante numero di donne dopo avere partorito moriva per l'insorgere di una terribile setticemia.

Semmelveis osservò che l'incidenza del fenomeno era molto superiore nelle donne che sceglievano di partorire in clinica ed in particolare cresceva enormemente nelle cliniche universitarie dove medici e studenti assistevano ai parti dopo aver eseguito le autopsie sulle vittime della febbre puerperale. Intuito che le due cose potessero essere correlate Semmelveis prescrisse a tutti coloro che venivano a contatto con le partorienti il lavaggio delle mani in una bacinella di ipoclorito di sodio, la comune candeggina.



I casi di febbre puerperale diminuirono drasticamente. L'ambiente medico dell'università si sentì colpevolizzato ed emarginò Semmelvies che morì solo e disperato.

Pochi anni dopo le scoperte di Pasteur confermarono le teorie di Semmelveis che viene oggi ricordato come il "salvatore delle madri": la clinica Ostetrica di Budapest è oggi dedicata alla sua memoria.

A Semmelveis e al suo coraggio tutti dobbiamo molto e mi piace ricordarlo...

Aggiunta:

Darmix in un commento mi ricorda un magistrale libro sulla vita di Semmelveis: l'editore è Adelphi che lo ha pubblicato nella Piccola biblioteca e il titolo "Il dottor Semmelveis". Si tratta della tesi di laurea scritta nel 1924 di
Louis-Ferdinand Destouches allora studente in medicina ed oggi noto come uno dei più grandi scrittori del secolo scorso con il nome di Céline.

Una lettura breve e piacevolissima...

2 commenti:

  1. La sua storia è narrata, in un bel libro, che costituisce la tesi di laurea in medicina di Céline.Un racconto avvincente e amaro, una dimostrazione di come spesso il genio non viene compreso

    RispondiElimina
  2. [off topic] ti stiamo seguendo da un pò di tempo, complimenti per il blog; lo abbiamo aggiunto tra i preferiti puoi vederlo qui: http://controcopertina.blogspot.com/2007/04/blog-che-leggiamo.html

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget

Qualche esperimento...