giovedì, maggio 01, 2008

Fermate il mondo, voglio scendere!




Vedo sul sito de La Stampa la dichiarazione di Rapetto, che passa per essere grande esperto della rete:

Interpellato al telefono, il colonnello della GdF Umberto Rapetto, noto come lo "sceriffo del Web", è cauto: "Certo adesso, come sostiene Beppe Grillo nel suo blog, se ti rapiscono dopo aver visto il tuo reddito, è palese che puoi fare causa all'Agenzia delle Entrate...anche se i rapitori probabilmente sanno benissimo che in Italia le dichiarazioni dei redditi non rivelano la vera ricchezza di un contribuente, visto l'alto tasso di evasione"...
Dove è finito il vecchio sano buon senso?

Io mi chiedo se un signore che fa il colonnello della finanza possa essere tanto naive da pensare che chi vuole organizzare un rapimento non riuscisse prima in qualche modo ad avere accesso alle liste PUBBLICHE dei redditi depositate in ogni comune d'Italia ed abbia dovuto aspettare la pubblicazione in rete?

Fare causa? Ma per che cosa se i dati erano già pubblici dal 1973?

Che si dica che la messa in rete abbia fatto sì che qualcuno sia andato a vedere l'imponibile del vicino di casa mi sta anche bene, ma che abbia favorito gli aspiranti rapitori mi sembra idea piuttosto stupida.

bob

PS Momento filatelico, tarnquilli poi mi passa, ma sono bellini i francobolli...

2 commenti:

  1. Roberto, sono d'accordissimo e non è la prima volta che il Colonnello "esterna" in quel modo... :) Poi sai, sono gaffes che non si bloggano volentieri in quanto l'uomo è un "tantino" pericoloso, specie alla luce del grande divario culturale che c'è in Italia...
    Complimenti Roberto! ;)

    RispondiElimina
  2. Marco non considero certo Rapetto pericoloso, credo sia una persona che sappia bene accettare che qualcuno non sia d'accordo con lui e al massimo replicare.
    Quando io mi occupavo di introdurre Internet in banca ho participato a molti convegni seduto di fianco a lui, abbiamo spesso discusso, ed è stato interessante.

    bob

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget

Qualche esperimento...