domenica, marzo 14, 2010

Il marketing questo sconosciuto...


Qualche settimana fa ho comperato una scatola di pastelli a cera Cerelli della Seletti (www.seletti.com), una società dalla quale acquisto da tempo perché impacchetta i suoi prodotti in modo creativo, non ho idea se il prezzo sia buono o meno, ma mi lascio attrarre dal packaging e compero d'impulso.

Sono il cliente ideale per questo tipo di approccio al mercato!

Ho comperato, dicevo, una scatola di pastelli a cera. Uso i pastelli per evidenziare elementi delle pagine in prototipi LO-FI che utilizzo molto sia con i clienti che a scuola.
I Cerelli sono bellissimi, tanti colori, una bella scatola, ma hanno un piccolo particolare: non scrivono!

Quando li si passa sulla carta invece di comportarsi con la caratteristica pastosità che rende tanto gradevole la cera si sbriciolano lasciandovi con un foglio pieno di pezzettini di cera e il colore nel disegno appena appena accennato.

Prima di buttarli nel cestino mi sono preso la briga di scrivere al distributore segnalando la cosa, quello che mi ha colpito è stata la risposta: 4 parole in croce.

"Grazie per la segnalazione"

Non mi aspettavo certo che me li cambiassero, anche se in USA sarebbe stato automatico, visto che costano pochi euro, ma almeno un "ci dispiace per l'inconveniente" vuoi non ve lo sareste aspettato? Oppure mi avessero detto che i loro pastelli sono bellissimi e si trattava, come possibile, di una partita difettosa.

Quattro parole che avrebbero dimostrato un minimo di considerazione per il cliente e che avrebbero fatto la differenza!

Se vi servono pastelli a cera andate su marche più tradizionali o almeno, se come a me vi piace la scatola dei Cerelli, provateli prima di comperarli...

bob

PS Certo comunque meglio di Aurora che sul problema della riparazione della mia stilografica non ha vergognosamente MAI risposto.

4 commenti:

  1. sarà qualche geniale web-designer che ha "venduto" al cliente la funzione "risposta automatica"? ;)

    http://friendfeed.com/sminkiadorterzo (czap)

    RispondiElimina
  2. Purtroppo la mancanza di cultura del servizio è la normalità in Italia. Non conosco l'azienda che hai menzionato, ma credo sia in buona compagnia.

    RispondiElimina
  3. ... come quando invii Curriculm Vitae. In Italia ti rispondono solo se interessati, all'estero si prendono la briga di rispedirti tutti i tuoi documenti con una gentile lettera di scuse. Un altro mondo.

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget

Qualche esperimento...