domenica, febbraio 06, 2011

Ma chi li progetta i siti? E chi li prova? Mah...


Oggi pomeriggio devo andare un Malpensa a sono andato sul sito del Malpensa Express, il treno che le Ferrovie Nord Milano offrono, comodissimo, allo scopo.

Immessi i dati di ricerca mi è apparsa la pagina che vedete qui sopra, la testata della tabella è quantomeno imbarazzante.

Convinto che fosse un problema del mio browser ho ripetuto l'esperimento e dappertutto funziona così, anche se poi guardando il codice si vede che la testata c'è, ma non si vede!

Adesso non dico controllare, come assolutamente si dovrebbe, il contrasto scritta/sfondo, ma almeno controllare che si legga mi sembrerebbe il minimo!



Tornando indietro per reimpostare una ricerca mi sono accorto che alla base della pagina c'è anche una bella barra rossa, un colore che non ha nulla a che vedere con la palette della pagina, che promette inesistenti "News" navigabili, come fossero numerosissime, con ben quattro link (chissà perché non tasti come gli altri...) misteriosamente in inglese!

Cosa ci vuole ad uniformare la pagina sia negli elementi, sia nei colori, e a mettere, se non ci sono news, un messaggio?

Se poi si va nell'inglese la cosa diventa surreale.

Le "news" sono sparite e i tasti della ricerca e del reset sono diventati link, e, cosa ben più grave, non si trova nessun treno. Se teniamo conto del fatto che ci si rivolge in larga parte a una clientela internazionale, siamo alla follia.


Nella prima pagina che ho mostrato un inquietante treno rosso campeggia in ogni linea e non si capisce bene cosa voglia dire (il mistero è svelabile portandoci il mouse, ma non è cosa naturale), se poi si cerca un treno la sera appaiono due simboli identici, uno rosso ed uno verde. Dunque il rosso è il Malpensa Express, il verde un treno normale. Chi ha avuto l'idea di usare due colori tanto caratterizzati nella mente di ciascuno di noi? Il rosso segnala allarme, fermata, il verde ci dice che è ok...

Tra l'altro usare un identico simbolo differenziato solo dal colore è pessima pratica perché ci sono daltonici che non apprezzano la differenza.

Incredibile è anche la gestione del "viaggio di ritorno" che non fa nulla di quello che promette! In realtà fa esattamente la stessa cosa fatta da "nuova ricerca": ci si aspetterebbe di trovare le due stazioni invertite, ma sono banalmente vuote ed anche nella pagina del viaggio di ritorno mi offre il viaggio di ritorno in una surreale ricorsività.

Ovviamente non c'è alcun controllo sul fatto che il ritorno sia successivo alla andata, anzi è possibile cercare orari di treni anche nel passato senza che ci sia il minimo avvertimento in proposito.

Tutto questo lo ho visto in cinque minuti, la settimana prossima lo do in pasto ai miei studenti e mi sa che ci divertiamo.

Possibile mai che nessuno abbia pensato di fare un minimo di analisi di funzionalità e di usabilità, pochi euro di investimento che potrebbero evitarci figuracce con i turisti che arrivano in Malpensa!

PS
Volevo, come faccio sempre, segnalare la cosa ai tenutari del sito. Nella pagina Contatti non c'è una mail, la cosa rasenta la follia! Se qualcuno ha contatti alle Nord per favore segnali la cosa, grazie!

2 commenti:

  1. Roberto,
    a che ci sei, divertiti sul sito di atm-mi.it rifatto da qualche anno.
    Quello precedente era sicuramente fatiscente, però si trovava tutto...

    RispondiElimina
  2. Una catastrofe. Si vuole andare al risparmio? questo si ottiene.

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget

Qualche esperimento...