martedì, luglio 31, 2007

Ma i parlamentari lo sanno quanta gente lavora lontano dalla famiglia?

Il principio base del gioco di prestigio è attrarre l'attenzione dell'osservatore su una mano per non vedere cosa sta facendo l'altra.

Leggendo le dichiarazioni di Lorenzo Cesa sul Corriere della sera al riguardo delle disavventure di Cosimo Mele, padre di famiglia e paladino della tradizione cattolica per UdC colto in fragrante in un festino hard, ho pensato che il presidente della UdC stesse ben utilizzando questa tecnica.

L'idea mi è sembrata quella di spararla tanto grossa da distogliere la attenzione dal vero problema.

Dire che i parlamentari, poverini, sono tanto soli che per evitare che commettano sciocchezze come quella di Mele bisognerebbe pensare (a spese nostre?) ad un ricongiungimento con la famiglia è un insulto ai parlamentari e agli uomini in genere.

Devo dire che anche l'uscita di Mele che afferma di non sapere la ragazza essere una "squillo" mi lasciano sconcertato: forse il nostro amico ci vuole dire che la cosa sarebbe stata moralmente diversa se la signora fosse stata che so una veterinaria?

Tradizioni cattoliche... non capisco!

bob

2 commenti:

  1. Ma pensate al povero Mele quando si e' reso conto che la "signorina" non era andata con lui per il suo fascino... e che non era eccitata ma solo drogata...
    E poi davvero, diamogli comprensione: era da ben 5 giorni lontano dalla moglie, pure in attesa di un figlio.
    E comunque Mele ha un passato da grande statista. Leggo dal sito di Repubblica: "finito in gattabuia a gennaio del 1999 da vicesindaco di Carovigno perché insieme col primo cittadino andavano a giocare al casinò coi soldi delle tangenti. Centinaia di milioni, tra il 1995 e il 1998, per assegnare appalti pubblici o fare assunzioni. Poi la partenza alla volta di Montecarlo per accomodarsi al tavolo verde. Una passione sfrenata, quella per il gioco, che gli costa l'arresto con le accuse di concussione e corruzione. Il processo va avanti."

    RispondiElimina
  2. sconcertante! una dichiarazione del genere è talmente rivelatrice della bassa stima che hanno per loro stessi e soprattutto per il popolo che se mi fosse rimasto qualche dubbio sulla loro serietà, svanisce all'istante. e poi questi loschi figuri di cui pullula la politica non se ne può più. tutti in odore di galera. povera italia.

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget

Qualche esperimento...