giovedì, novembre 08, 2007

IAB Forum e il proiettile d'argento.


Grande entusiasmo sul futuro della pubblicità in rete, ma a me restano alcune perplessità.

L'altro ieri ho seguito la sessione plenaria di IAB Forum, l'appuntamento che da cinque anni richiama a Milano i protagonisti della pubblicità interattiva.

Devo dire che la sala era gremita e che gli interventi sono stati tutti di ottimo livello, non mi dilungo a descriverli perché trovate un sacco di descrizioni da parte di "instant blogger" e non potrei che ripetere cosa già dette, vorrei qui riportare solo qualche considerazione personale.

Le previsioni di crescita dei numeri della rete e della pubblicità on line francamente mi sono sembrate molto ottimistiche, ma, non avendo altri dati, non posso fare altro che prenderle per buone e rallegrarmene.

Molta enfasi è stata data alla precisa analisi del profilo e del comportamento dell'utente: la cosa francamente, se venisse davvero spinta alle estreme conseguenze, non è che mi piaccia molto e personalmente credo che metterei in atto ogni strategia possibile per evitare di essere troppo precisamente "fotografato". Di fatto essere identificato come target non mi dispiace a patto che il dato sia usato per espormi, con la dovuta moderazione, a informazioni pubblicitarie che mi possono davvero interessare permettendomi di uscire una volta per tutte dall'insulso spam che mi offre nel contempo ingrandimento del seno e allungamento del pene rivelando evidenti problemi di targeting. Si è parlato di andare oltre verso un engagement, mi sta anche bene, ma voglio essere io a decidere se, quando e con chi raggiungere questo livello di coinvolgimento.

Si è detto che "l'utente ha bisogno di un contatto continuo con l'azienda fornitrice". Posso ben capire che questo possa essere il sogno di ogni fornitore, ma certo non è il mio bisogno. Ci sono situazioni e tipi di offerta dove la cosa mi può interessare ma francamente nella stragrande maggioranza dei casi non mi serve e non ho tempo per coltivare un rapporto tanto intimo e tanto costante.

In genere al Forum si respirava un'aria di grande entusiasmo condito con l'idea che di fatto la pubblicità interattiva sia la sola veramente efficace che prenderà presto il sopravvento su ogni altra forma di messaggio promozionale.

L'idea mi fa venire in mente un modo di dire del mondo anglosassone "No silver bullet" (Non esiste il proiettile d'argento): noi uccidiamo i vampiri credo con un paletto di frassino nel cuore, loro utilizzano appunto un proiettile di metallo prezioso. La frase viene usata quando si vuole indicare che a un problema non esiste una sola semplice soluzione, ma che le cose possono essere più variegate e complesse.

Penso che anche qui valga il principio che le novità ben raramente sostituiscono completamente l'esistente e che di debba quasi sempre essere preparati a orchestrare una lunga convivenza tra mezzi diversi.

Queste mie perplessità erano state ben riportate l'anno scorso dal discusso intervento del vanghetto che francamente io trovai molto corretto e centrato.

bob

NOTA: usando Google DOC per pubblicare direttamente mi sono fumato il post precedente con i relativi commenti!

Nessun commento:

Posta un commento

Si è verificato un errore nel gadget

Qualche esperimento...