sabato, novembre 10, 2007

"Piove governo ladro" ovvero il rischio di omologazione dei blog...


La fluidità e la velocità dello scrivere e del citare chi scrive in rete è strumento certamente utile, spesso però tende a provocare omologazioni su notizie o analisi che piacciono, ma che non hanno la accuratezza e la credibilità necessarie.
Si rischia di fare diventare la mediocre analisi una buona analisi solo perché è sulla bocca di tutti. L'omologazione no non fa bene alla rete.

Qualche giorno fa ho consegnato in redazione l'editoriale "Pensieri contromano" che da qualche tempo tengo su PCMagazine e che uscirà il venti di novembre: tra le altre cose parlo dell'offerta di 3 per l'ormai famoso telefonino Skype. Confesso che dopo avere visto sulla pagina di blogbabel la quasi corale positiva citazione del post di Francesco Minciotti sulla truffa che starebbe alla base dell'offerta di 3 sono corso a leggere il post e tutti gli interventi. Dopo la lettura non ho cambiato nulla di quello che avevo scritto.

Più che quell'esempio di giornalismo dal basso che viene da molti con entusiasmo segnalato francamente il post mi sembra una descrizione, un poco confusa, di argomenti anche tecnologici fatta da chi quelle tecnologie non sembra proprio averle molto digerite.

L'unica pare che mi pare condivisibile è quella dove si descrive la poca preparazione di chi risponde al telefono nel call center per i rivenditori 3, ma qui credo purtroppo tre non sia per nulla sola!

Sono abbastanza d'accordo con Quintarelli, ritengo che il contratto sia scritto maluccio, come spesso succede, ma da qui a urlare alla disonestà credo ce ne passi molto. Credo che la trattazione del problema che potete trovare qui sia molto più corretta e obiettiva.

Ciò detto vorrei osservare come la velocità e la fluidità dello scrivere in rete possa, come in questo caso, essere pericolosa. Temo si stia un poco perdendo l'idea che, quando si parla di opinioni, tutte le opinioni hanno la stessa dignità e devono essere ascoltate, ma quando si parla di fatti oggettivi la competenza di chi scrive dovrebbe essere il filtro da usare per scegliere a chi dare credito.

Ciò detto se a qualcuno interessa vi dirò che io non comprerò il telefono 3 perché non piace usare un servizio Internet che un operatore mi offre mischiando i servizio di trasporto ed i servizi che stanno sopra. Lo userò quando qualcuno, e non può che essete Skype, mi offrirò un client che funzioni sul mio cellulare facendomi fare delle telefonate veramente su IP usando la mia connessione che non deve sapere se sto telefonando, navigando o facendo qualsiasi altra cosa in rete.

Al momento faccio il tutto dal PC, uso, soprattutto all'estero, il telefono WIFI di Belkin quando trovo un HotSpot.

bob

4 commenti:

  1. Scusa Roberto, ma non capisco cos'altro avrebbe dovuto dire o fare Minciotti, mentre simulava di essere un rivenditore qualunque, per avere la tua approvazione. Quali sono le competenze che gli sono mancate? Ti sembra che ha riportato male i fatti? Dove ha sbagliato?

    RispondiElimina
  2. Gaspar se il nostro amico avesse detto che al call center dei rivenditori di 3 ha trovato una persona incompetente avrebbe detto una cosa molto corretta.
    A quel punto avrebbe dovuto però cercare di capire se il problema sta nella offerta o nelle stupidaggini che gli hanno detto al telefono.
    A mio modo di vedere l'offerta, che peraltro a me non piace, non è truffaldina.
    Appena ho tempo cerco di fare un post dove chiarisco il mio modo di vedere la cosa.

    dadda

    RispondiElimina
  3. Dove non arriva l'intelligenza individuale, arriva quella collettiva (che non ha filtri ed e' estremamente relativistica).

    Mi sembra infatti importante osservare come macroscopicamente i bloggers abbiano raccolto il messaggio di fondo: "non e' una buona offerta"... e su questo punto mi sembra di capire che anche tu sei d'accordo; e anche io sono d'accordo. Chi per le caratteristiche non neutrali dell'offerta, chi perche' non riesce a capire l'offerta ... fatto sta che l'intelligenza collettiva... c'ha preso!
    Scherzi a parte: non pensi possa essere questo il filo conduttore di tutti quei blog che hanno dedicato un post all'argomento?

    RispondiElimina
  4. no Dadda, il punto è che l'utente non può essere obbligato ad essere un esperto di telecomunicazioni, commercialista ed avvocato per sottoscrivere un contratto per telefonare!

    Minciotti può anche aver scritto delle imprecisioni, e allora? Lui racconta la sua esperienza di consumatore, tra l'altro molto piu evoluto rispetto alla massa che non distingue un telefono umts da un lettore mp3.

    Minciotti è uno dei tanti clienti, direi quasi tutti, che ormai delle tariffe telefoniche non capisce piu niente perché sono tutte un puttanaio peggio dell'altro.

    Questo è il vero problama, non che minciotti sia più o meno esperto di telefonia.

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget

Qualche esperimento...