giovedì, novembre 29, 2007

I gardini di Babilonia li può costruire solo un re... ovvero www.italia.it, l'errore sta nel modello!

Questa mattina leggere le varie dichiarazioni che Punto Informatico riporta in relazione alla chiusura di www.italia.it devo dire che non mi ha messo di buon umore.

L'ineffabile Rutelli afferma che in fondo si è speso pochissimo per il sito, solo un milione di euro.

Io dico un politico può legittimamente non capire nulla di informatica, ma dovrebbe avere il sano buon senso di farsi ben consigliare: un milione di euro sono poco meno di due miliardi di lire, per un portale del genere senza comprendere i contenuti è una cifra immensa!

A una mente semplice come la mia sembrerebbe logico, per una cifra del genere, avere in cambio qualche cosa di ben progettato e funzionante, evidentemente mi sbaglio.

Difficile da condividere anche il "tirarsi fuori" dell'ex ministro Stanca: fin dal suo lancio in molti avevamo affermato che un progetto del genere non aveva alcuna possibilità di essere portato a termine per la sua eccessiva complessità. La mentalità assiro babilonese può essere usata solo quando si ha un controllo totale su tutte le entità coinvolte nel processo, controllo che nel nostro paese lo stato NON ha nei confronti delle regioni.

A ritalia.it ricordo di avere descritto le cose esattamente come poi si sono verificate, ma no non sono un veggente, bastava un minimo di esperienza per prevedere il disastro!

Domanda: ma perché invece di pensare a una nuova faraonica iniziativa non si è pensato di migliorare il sito dell'Enit?

9 commenti:

  1. E i soldi che stanno ora buttando le varie amministrazioni su Second Life?
    Quale figlio smanettone di politico stanno foraggiando?

    RispondiElimina
  2. E i soldi che le varie amministrazioni stanno buttando in questo momento su second life?
    Quale figlio smanettone di politico stanno foraggiando?

    RispondiElimina
  3. Ma che mo il blog è amministrato a priori? Non c'è più gusto così. Ho postato due volte pensando che si fosse perso il primo.

    RispondiElimina
  4. mha.. dal post io non capisco esattamente per cosa hanno speso il famoso milione.

    L'idea del ministero che mette l'infrastruttura (HW e SW) e tutti gli enti che postano contenuti e link era anche buona, ma come dici tu ci vuole qualcuno a livello politico che spinga perché tutti collaborino!

    invece è prevalsa la logica dell'ostacola-e-fatti-finanziare-un-progetto-simile :-/

    RispondiElimina
  5. Solo un milione son solo balle.
    Questi sono i soldi spesi solo per lo studio di fattibilità ed altri adempimenti iniziali, esattamente 1.237.000 euro IVA inclusa.
    Ma c'è un atto transattivo del 12/10/2006 firmato esattamente per un importo di 5.851.355 euro IVA inclusa da pagare al collaudo avvenuto di fine luglio 2007. Ovviamente in caso di esito positivo e con penali previste a dedurre in caso di inadempimenti. Sull'esito del collaudo, tanto per cambiare, vige il silenzio tombale.
    Il punto è quanto hanno erogato sinora e quanto comunque devono erogare per impegni già sottoscritti. Su questi "dettagli" ci stanno marciando.

    RispondiElimina
  6. Ben 1 milione di euro per un portale. (più le altre cifre che ho letto in questi posto)
    Ma se contattavano la mia agenzia per quella cifra (presa subito e non a lavoro finito) avrei lavorato per loro per tutta la vita!

    RispondiElimina
  7. Di giardini fioriti se ne vedono pochini ... :))

    Ma Babilonia non manca di sicuro:

    http://millionportalbay.wordpress.com/2007/11/29/italiait-e-diventata-una-leggenda-questa-storia/
    http://millionportalbay.wordpress.com/2007/11/29/italiait-mettiamo-a-tacere-non-ci-sono-sprechi/

    RispondiElimina
  8. Scusa Gustavo, ho dovuto mettere la cosa per qualche giorno perché un cretino si divertiva con i commenti, ho tolto tutto.

    bob

    RispondiElimina
  9. Assolutamente d'accordo, ma la bolla second life per fortuna si è sgonfiata.

    bob

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget

Qualche esperimento...