venerdì, febbraio 08, 2008

Vado al bar, vieni anche te?

Repubblica nei giorni scorsi ha pubblicato un articolo sulle scarse capacità linguistiche di una parte dei nostri laureati.

Devo dire che la cosa è sostanzialmente vera: vivendo nella università, dove dovrebbero arrivare con capacità linguistiche affinate dagli anni precedenti, devo anche osservare che, per motivi che mi sfuggono, le carenze sono nelle scuole precedenti.

Ciò detto vorrei però osservare che alcune della affermazioni nell'articolo a me sembrano poco corrette. L'assioma secondo il quale chi sbaglia nell'uso di un termine non legge nemmeno le pubblicazioni scientifiche e di conseguenza non è certamente un buon medico a me pare del tutto fuorviante. Se nella vita mi fossi limitato a leggere pubblicazioni scientifiche le mie conoscenze lessicali e il costrutto delle mie frasi sarebbero certamente molto più scadenti.

Del resto se andiamo a fare una analisi di come scrivono e parlano i giornalisti non c'è molto da stare attenti. L'altro giorno ho corretto una mia studentessa rumena perché aveva usato il "te" al nominativo e lei ha osservato che in televisione lo fanno in tanti... ed ha ragione! Per non parlare della audacia di certi giornalisti nell'uso o nel non uso dei congiuntivi.

Mi sfugge tra l'altro anche l'uso spregiudicato della parola analfabeta nell'articolo: si può davvero definire analfabeta una persona che sbaglia nell'uso di alcuni termini? A me risulta che analfabeta sia chi non sa leggere e scrivere.

bob

4 commenti:

  1. "il 'te' all'indicativo"? Quindi i pronomi si coniugano?

    RispondiElimina
  2. usate il lapsus, volevo dire nominativo, ho fatto una sovvrapposizione mentale tra declinazioni e coniugazioni, chiedo venia.

    bob

    RispondiElimina
  3. personalmente scrivo e parlo un italiano normale (con qualche dubbio ed errore) così come molti anglosassoni non parlano e scrivono l'inglese osford..
    questo non mi rende peggiore nel mio lavoro.. certo c'è un limite tra ignoranza e limitata capacità...

    RispondiElimina
  4. certo c'è un limite tra ignoranza e limitata capacità...
    ampiamente superato con quel mio osford.. chiedo venia..

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget

Qualche esperimento...