venerdì, maggio 23, 2008

Quando le scelte sono fatte dalle persone sbagliate!

Quello che penso del progetto di Negroponte per la realizzazione di un PC per i bambini che vivono e crescono nei paesi meno fortunati lo ho detto spesso. L'inziativa è lodevolissima, ma francamente penso che piuttosto che realizzare un PC del tutto nuovo sarebbe più logico partire da macchine esistenti e creare versioni minimali che possano vendute in grande serie avere prezzi bassissimi. Anche sul disegno io ho qualche dubbio: pensare per esempio che in un luogo dove non c'è energia elettrica, e di conseguenza la manovella di carica, ci sia una connessione WIFI a me pare un poco fantasioso, ma certamente questo è solo un parere personale.

E' di questi giorni l'annuncio del passaggio del progetto da Linux a Windows. Anche qui non ho una opinione definitiva. Se da una parte penserei che Linux potrebbe essere efficace ed abbattere i costi, dall'altra mi viene da pensare che questi ragazzi si troveranno a cercare un lavoro in un mondo Windows e in quel momento avere una esperienza MS Word potrebbe essere un vantaggio competitivo personale di non poco conto.

Nell'articolo che cito viene riportato, per spiegare le motivazioni del passaggio a Windows, questo passo:

“The people who buy the machines are not the children who use them, but government officials in most cases,” OLPC founder Nicholas Negroponte told the New York Times today. “And those people are much more comfortable with Windows

Devo dire che il fatto che la decisioni sul sistema operativo e sul software non vengano prese con test fatti con gli utenti potenziali, ma solo facendo scegliere chi paga, è un atteggiamento folle e assolutamente da evitare, lo insegnamo in tutti i corsi di ergonomia e di web design!

Ieri passavo in via Montenapoleone davanti al bellissimo negozio di La perla e mi sono trovato a sorridere pensando a un uomo che va a comperare un capo di lingerie per la sua signora e dal momento che lo pagherà lui sceglie lui se comperare un reggiseno con il ferretto o meno e se scegliere un perizoma o una mutandina più larga in base alla comodità che loro stessi preverebbero nell'uso dei capi!

bob

7 commenti:

  1. ti do ragione sulla mancanza di ergonomia di prendere una decisione sull'esigenza di chi paga e non di chi usa..
    tuttavia il mondo reale è un mondo di compromessi e si mira al meglio possibile spesso anche in ambito umanitario..
    nel merito poi penso che win sia meglio di linux specie per contesti dove la cultura informatica è ridotta..

    RispondiElimina
  2. Guarda, sono *perfettamente* d'accordo, ma ti faccio solo un appunto quando citi il discorso manovella/wifi:
    1. Il WiFi degli OLPC è di tipo mesh: questo significa che in assenza di rete la sola presenza di 2 OLPC crea automaticamnete una rete point to point. All'aggiungersi di altri terminali si crea una rete mesh. Piuttosto furba come cosa.
    2. Infrastruttura: è più facile piantare in mezzo al nulla un'antenna WiFi che portare in ogni casa la corrente elettrica, con il problema di reperire cavi, evitare la loro usura, etc.
    Poi, è chiaro, sarebbe meglio portare la corrente in casa a tutti, ma ove non fosse possibile, almeno una antenna aiuta. :)

    @Trini:
    Ovviamente è pura opinione, ma ritengo Linux abissalmente meglio di Windows, a maggior ragione nei contesti dove la cultura informatica è ridotta. Pensa solo alla reperibilità del software. Su Linux l'esistenza stessa del sistema permette l'apprendimento e lo sviluppo di nuovo software, potenzialmente. Per Windows... auguri.
    Anche la possibilità di "scoprire" in modo autonomo come funziona, in Linux è solo questione di scavare, in Windows è un sistema monolitico chiuso, inaccessibile all'autoapprendimento se non tramite manuali. :)

    RispondiElimina
  3. @Folletto: manuali a pagamento e troppo cari per quei Paesi!

    @Roberto: magari lo compra col ferretto, ma non con la stecca! ;-)

    RispondiElimina
  4. @folletto: rispetto la tua opinione ma ho difficoltà a maneggiare un sistema linux io che sono ing el, figuriamoci uno che ne sa zero.. non credo che i pc a basso costo siano destinati solo a crescere programmatori geek ;)...

    RispondiElimina
  5. Anche non considerando soluzioni semplici e task semplici, OLPC è comunque un sistema Linux based... non una normale distro. :)

    L'interfaccia è completamente ad hoc per le operazioni e il target a cui è destinato... altro vantaggio notevole rispetto a qualunque Windows. :)

    E' un po' come dire che Mac OSX è Unix... ;)

    RispondiElimina
  6. "...lo insegnamo in tutti i corsi di ergonomia e di web design!"
    confermo, ce l'ha insegnato.
    Ho intervistato un anno fa Negroponte per MTV a Innovaction, e devo dire che già quella volta il discorso del Wi-fi mi risultava un po' complicato.
    Buon week end Prof!

    RispondiElimina
  7. Non è "la comodità" il parametro di valutazione del capo, ma sono l'estetica e la piacevolezza, la corrispondenza e, riconosco, in parte, anche la tecnica, in parte,
    Cip e Ciop

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget

Qualche esperimento...