sabato, agosto 30, 2008

Quando il blogger si morde la coda!


Quello che penso delle classifiche basate sui link lo ho detto più volte: bullshit

Il bello è  che lo ho anche documentato con un ragionamento che nessuno si è nemmeno provato a contestare.

Ogni tanto una occhio sulle classifiche lo metto perché mi interessa il fenomeno e ho la stessa sensazione che provo quando di fronte a una persona convinta sostenitrice della astrologia e mi diverto a leggere l'oroscopo per lo stesso segno zodiacale e per lo stesso periodo su diverse riviste...

Questa mattina osservando la classifica di Blogbabel mi chiedevo se i gestori si siano accorti che c'è chi alza artificiosamente la propria posizione con una compulsiva autocitazione da altri blog dichiaratamente gestiti da lui stesso.  Leggendo i post si nota tra l'altro che i link sono quasi sempre piuttosto artificiosi e si fa una certa fatica a immaginare il percorso logico che li lega.

Se non sbaglio un presunto simile comportamento di qualche mese fa da parte di Catepol sollevò un putiferio infernale...

Mi sfugge qualche cosa?

bob

6 commenti:

  1. Non so se ti e' sfuggito , ma lo dico lo stesso : fra i blogger che seguono questa regola di autocitarsi con un altro blog e un tumble-blog c'e' l'immodesta fidanzata del principale developer di Blogbabel. Pensa un po' i casi della vita!!

    Lippa

    RispondiElimina
  2. Per la verità è un tumblr. E non finisce qui, perchè i vizi sono altri ancora. Sorge il sospetto di una classifica creata ad arte per occupare un "vuoto", indicando però regole artificiose che vanno a tutto vantaggio di qualcuno.

    Un fenomeno niente male. E il vantaggio maggiore è di chi la classifica la fa. Ma del resto anche l'oroscopo è così, no? ;)

    RispondiElimina
  3. @Giacomo Guarda bene che c'è anche chi ha un tumblr e un altro blog dai quali mette link in modo forsennato al proprio blog principale.

    Francamente credo che almeno nel caso di Blogbabel ci sia una sostanziale buona fede nella stesura della classica che è probabilmente il meglio che si può fare, salvo poi prendersela con qualcuno e con qualcun altro fare finta di niente per lo stesso artificioso comportamento.

    Il problema è che la classifica basata sui link non ha alcun senso.

    dadda

    RispondiElimina
  4. in realtà oltre ad avercela palesemente con me e con i miei amici tanto da toglierci dalla classifica...per il resto l'algoritmo si sa che funziona a simpatia e per amicizia con i gestori... ecco perchè puniscono solo me e pochi eletti (gli altri possono continuare tranquillamente a postare post farlocchi con link a iosa...se non si chiamano catepol non vengono puniti). Nessuna polemica nel mio commento...sia chiaro...fortunatamente i 2 post incriminati postati sul mio blog (quelli che secondo loro mi hanno fatto meritare la punizione) sono solo 2 post su 1800 di contenuti più o meno validi ma sicuramente palesemente diversi da quanto hanno affermato "catepol posta solo alberelli di link"...

    RispondiElimina
  5. tutta sta corsa sulle classifiche annoia: e se si parlasse un po' più di cosa si scrive e perchè?

    RispondiElimina
  6. Una metrica (non chiamiamola classifica) basata sui link è una scelta come un'altra. Solo che si presta a moltissime critiche, principalmente perchè la "materia prima" su cui calcolare i link è poca e quindi, dopo forse le prime decine di posizioni, si sta sostanzialmente misurando il rumore di fondo.
    E' poca perchè i Blog italiani sono pochi, in piu' BB non li registra tutti, e molti post e link non vengono registrati (mi dicono perchè hanno il feed errato. Technorati ad esempio negli ultimi tre mesi mi ha contato una decina di trackback che invece BB non prende)

    In più, mentre dare un peso ai link ha molto senso per un motore di ricerca come google, ha molto meno senso per dei blog. Se venisse calcolata e pubblicata una metrica dove i blog hanno tutti peso equivalente, (chiamiamola la "metrica democratica" ;-)) molti verrebbero spazzati via dalle prime posizioni, che occupano solo per i trucchi che hai citato tu.

    Insomma, "misurare" la blogosfera italiana è interessante e potenzialmente utile, ma il tentativo soffre del problema ben noto agli statistici della piccolezza del campione statistico (e non è certo colpa di BB o di chiunque altro ci provi...)

    ciao Dario

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget

Qualche esperimento...