mercoledì, settembre 10, 2008

Il segno di Linkedin



In medicina, fin dai tempi di Galeno, si parla di "segni".

Si tratta di segnali che sono rivelatori, per esempio, di una certa patologia.

Premendo un certo punto dell'addome se quando il paziente inspira avverte dolore si parla per esempio di "segno di Murphy" indicatore di un possibile problema alle vie biliari.

Ebbene da un po' di tempo osservo il comportamento delle persone in rete e credo di poter dire che esite un "segno di Linkedin":
quando qualcuno che da anni non si fa sentire improvvisamente ti offre una connessione su Linkedin spesso vuole dire che sta cercando un nuovo lavoro
bob

7 commenti:

  1. beh... onestamente non fa una piega...
    PS: mi accetti il contatto su LD? :)

    RispondiElimina
  2. penso che non hai capito niente di social network.. questi sono fatti per condividere conoscenza, competenza, contatti, reti, favori..

    la persona che chiede il contatto la conosci?
    la stimi? ha bisogno di aiuto? lo puoi offrire? che ti costa una connessione su linkedin?

    non te la tirare troppo, a maggior ragione se c'è qualcuno in difficoltà che ha bisogno di un lavoro..

    RispondiElimina
  3. @baldo Certo con piacere!

    @anonimo Amico mio mi diresti dove diavolo io avrei detto che non cerco, per quello che posso, di aiutare chi me lo chiede?
    Constato solo un fenomeno, nulla di più!

    bob

    RispondiElimina
  4. ma quanto hai ragione !!!

    RispondiElimina
  5. mi sa che prima di togliersi di dosso la nomea di "CV repository", Linkedin dovra' farne di strada

    RispondiElimina
  6. Caro Roberto il dato certo ed incontrovertibile è che i "ricchi"("ricchi" secondo parametri determinati dai "ricchi" ovviamente) e ci metto dentro nella categoria anche te, è che, salvo segarti in due la testa, l'idea non possono rubartela, quella la custodisco gelosamente nella testolina, mi aspettano due mesi intensissimi...multitasking...e poi ne riparleremo, intanto continuate a scrivere è molto stimolante lèggere lèggere lèggere,
    Elisabetta

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget

Qualche esperimento...