venerdì, giugno 05, 2009

Il mio giardino nuovo è già pieno di erbacce!



In questi ultimi tempi ho dovuto, per varie ragioni, cambiare spesso PC partendo da macchine nuove appena uscite dal negozio.

Uno dei problemi di Windows è la sua tendenza a "sporcarsi": chi, come succede a me per ragioni professionali, installa e disinstalla spesso software si ritrova dopo un po' di tempo con una macchina lenta, che spesso da problemi come per esempio tempi di spegnimento biblici ed alla fine la deve "rifare" installando dall'inizio sistema operativo e programmi dopo avere salvato con cura i propri dati.

Uno dei modi per ridurre la frequenza di queste fastidiose perdite di tempo è cercare di tenere la macchina "pulita" installando solo quello che veramente serve e disinstallando con cura le applicazioni che non servono più.

Il problema è che qualsiasi macchina comperiate oltre al sistema operativo arriva con una marea di programmi già installati che di fatto ben difficilmente userete mai.

Passi per i programmi regalati, se non mi servono sono già un fastidio, ma almeno non mi chiedono di spendere denaro. Il problema è che la maggior parte dei programmi non compresi nel sistema operativo che mi trovo sulla macchina non rappresenta un regalo, ma una offerta in prova: quando partono mi informano che per continuare a usarli devo pagare.

Questa mattina ho deciso di ripulire una delle mie macchine, inutile indicare la marca perché l'esperienza con macchine di altre due macchine di marca diversa è stata nel passato assolutamente equivalente. La logica vorrebbe che ci fosse un programma con la indicazione del software in prova installato dal quale poter decidere cosa lasciare e cosa togliere.

Errore!

Non solo non esiste un software del genere (che sarebbe banalissimo realizzare), ma non esiste nemmeno un elenco preciso di quello che è stato installato sopra il sistema operativo. Trovato il software spesso non esiste un programma di disinstallazione e bisogna perdere del tempo per andare a cercarlo nel programma di gestione delle applicazioni di Windows. Trovate una quindicina di giochi? Li potete installare in un colpo solo? No! Bisogna andarne a cercare il nome uno per uno con il rischio di disinstallare qualche cosa di importante. I giochi sono nella stessa cartella? No! Sono spesso sparsi in giro per il disco!

Morale: ho lavorato due ore, sono stato spesso costretto ad andare in rete per capire cosa diavolo fosse un programma del quale non avevo mai sentito parlare e non sono del tutto sicuro di avere cancellato tutto quello che non mi serve e che occupa la mia macchina inutilmente.

Qualcuno potrebbe dire che avrei potuto reinstallare da nuovo il sistema operativo, ma non credo sua una buona soluzione per un paio di motivi. Innanzitutto le macchine oggi vengono distribuite senza un DVD del sistema operativo che viene salvato dall'utente e non sono del tutto sicuro del fatto che quel salvataggio non si porti dietro anche il software aggiuntivo. C'è poi il problema dei vari driver che servono per fare funzionare correttamente l'hardware della macchina.

La cosa raggiunge livelli al limite del surreale quando anche in una macchina priva di lettore/scrittore di DVD vengo invitato dal sistema a eseguire una copia di backup: se per usare il tuo PC è indispensabile comperare anche un lettore esterno me lo devi almeno dire prima!

I driver da tempo non sono distribuiti con la macchina su un CD e di conseguenza partendo da una installazione vergine si è costretti ad andarli a cercare e qui, per la maggior parte dei produttori, si vive un altro incubo.

Una persona dalla mente semplice come me è portata a pensare che entrando nel sito del produttore e indicando il modello della macchina sia possibile scaricare un unico grande file con una unica procedura di installazione capace di mettere al loro posto i vari driver verificando automaticamente quali siano le componenti opzionali effettivamente installate.

Errore!

La pagina dei driver della macchina è quasi sempre sterminata, sono presenti diverse versioni dei driver e la differenza non è facile da capire e, cosa più grave, non è facile capire quale versione delle diverse componenti hardware è installata sulla macchina semplicemente perché non è disponibile una lista precisa da nessuna parte. Spesso si finisce per dover procedere per tentativi.

Cari produttori di hardware ecco la letterina dei miei desideri:
  1. Quando compero una macchina mi piacerebbe ancora avere due bei dischi, uno con il sistema operativo, l'altro con tutti i driver necessari al funzionamento dell'hardware che ho comperato. In subordine mi piacerebbe poter scaricare le immagini di questi due dischi dal sito del produttore indicando solo un codice che dovrebbe essere riportato sulla etichetta della macchina e che ne identifichi in modo univoco tutto l'hardware. (In realtà vorrei poter comperare anche una macchina senza sistema operativo, ma questa è un'altra nota storia)
  2. Se sulla macchina è stato installato del software aggiuntivo ne vorrei almeno l'elenco.

  3. Per il software installato come trial vorrei avere un programma che me lo indicasse e che mi permettesse, in un colpo solo, di decidere quale cancellare, quale mantenere sul disco per provarlo e quale comperare.
Il mondo del software è strano: cosa direste voi di un supermercato che mi riempisse alla fine della spesa automaticamente il carrello con tutta una serie di prodotti che io non ho richiesto e lasciasse a me l'onere di cercarli per togliere quelli che non mi interessano prima di passare alla cassa?

7 commenti:

  1. Che dire, tutto vero, bell'articolo :-).

    Quando mandi la letterina mettici pure la mia firma, e quelle di qualche altro milione di utenti.

    RispondiElimina
  2. puoi anche usare ncleaner e cleaner, puliscono i registri e rimuovono un po' di trash nascosta

    freeware

    RispondiElimina
  3. Parole sante.

    Anche io ho il problema delle installazioni di test ma ho risolto con un buon programma di imaging del disco. Il mio PC (Windows XP) è organizzato in due partizioni: quella di sistema (C:) e quella dei miei dati (D:).
    Appena finito di installare il S.O. e tutto il mio software necessario, creo una bella image pulita che salvo nella seconda partizione. A questo punto posso installare ciò che voglio: se non mi serve o non mi va bene non sto a disinstallarlo ma ricarico la image e sono nelle stesse (inteso bit per bit) condizioni di prima.
    Io uso BootItNG di Terabyte, è un po' tecnico da usare ma estremamente potente ed esegue la image bootando da se stesso senza coinvolgere il S.O. installato sul PC.

    RispondiElimina
  4. Anche io uso la stessa procedura di Roberto Bolis, anche se uso Acronis TrueImage, con la stessa organizzazione. Io ho Vista, due HD, su uno il sistema operativo, sull'altro i dati. Sul secondo ho la copia del sistema in un file immagine, creata dopo una installazione da zero del sistema operativo, l'installazione dei driver, e di tutte le applicazioni che ritengo necessarie (Office, due CAD, alcune procedure per il catasto, un software strutturale, e poi una serie di utility, il firewall e il google pack), dopo aver fatto una ottimizzazione del sistema, pulito il registro, disinstallato le applicazioni del sistema operativo non necessarie, ripulito l'HD e deframmentato.
    In questo modo mi è semplice tornare ad un punto zero.
    Questo però è possibile su un fisso, purtroppo con i portatili, è sempre più consueta l'abitudine di preinstallare dei software, come MS Works, oppure l'antivirus della nota casa del Dr. Peter, e tutte le utility fornite dalla casa. Acer, Asus, Toshiba tutte questa abitudine, solo i Dell li ho visti più puliti in partenza, forse perchè hanno l'abitudine di farti pagare qualsiasi aggiunta!

    RispondiElimina
  5. Ho capito, ma mi spiegate perché si deve essere costretti a lavorare per ottenere quello che abbiamo comperato? Sarebbe come se il fruttivendolo mi vendesse la rucola dicendo che è piena di altri tipi di insalata, ma la posso pulire!

    bob

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget

Qualche esperimento...