martedì, giugno 07, 2011

Il disservizio alle poste: una occasione mancata!



Dalla settimana scorsa il sistema delle Poste Italiane ha gravissimi problemi e il servizio è, a quanto mi dicono, praticamente fermo. Sembrerebbe che la cosa sia avvenuta in concomitanza con la centralizzazione dei server che fino ad ora si trovavano in filiale, una operazione assolutamente condivisibile che evidentemente non è stata condotta in modo corretto. Che un sistema di quella complessità possa cadere è normalissimo, io ahimè ho avuto esperienze dirette che mai dimenticherò, che non ci sia un piano di roll-back per portare tutto in un tempo ragionevole alle condizioni precedenti e funzionanti è meno normale, che non si riesca a ripartire nemmeno dopo un intero fine settimana è assolutamente inammissibile.

Ma non è comunque di questo che voglio parlare. Vorrei fare qualche osservazione sulla gestione della crisi e sull'uso, o meglio dovrei dire sul NON uso che le poste hanno fatto della rete e dei social network.

Ero all'estero, sono venuto a conoscenza della cosa solo questa mattina e la prima cosa che ho istintivamente fatto è stata andare sul sito delle poste sicuro di trovare messaggi e avvisi.

Niente!

Niente nella prima pagina, niente nei comunicati stampa che riportano solo citazioni di articoli che parlano bene delle poste e dei loro nuovi servizi.

Ho pensato "questi sono moderni, il sito roba antica, avranno usato il social!".

Sbagliavo.

Sono andato sul re dei social, Facebook, la pagina delle poste riporta solo un messaggio del pomeriggio del 3 di giungo, venerdì, che non spiega nulla, si scusa con i clienti e informa che si lavorerà oltre l'orario di ufficio per smaltire le persone in coda.

Un animo semplice come il mio, leggendo questo messaggio quattro giorni dopo, ha pensato che tutto fosse andato a posto, ma guardando in rete si scopre che i disservizi perdurano anche questa mattina. Nessun tentativo di gestione della crisi e del rapporto con i clienti nemmeno qui!

Incredibile anche la totale assenza di una gestione delle risposte ai commenti: dopo quell'annuncio ci sono 291 commenti ai quali nessuno delle poste ha dato la minima risposta ufficiale. In compenso sono saltati fuori impiegati delle poste stressati che hanno espresso la loro frustrazione e la loro comprensione per i clienti.

Anche qui non mancano le uscite demenziali. Un dipendente riporta fedelmente l'orario del disservizio e i messaggi di errore che il suo terminale presentava. Se qualcuno della banca dove ho lavorato per anni avesse fatto una cosa del genere l'auditing gli avrebbe tirato giù la pelle dal naso, prima di licenziarlo!

Non credo servano commenti per questa uscita:


Come sempre noi dipendenti paghiamo per l'inefficenza dei nostri manager, che si vantano di tanta innovazione, nuovi servizi, prezzi concorrenziali, ma quando si tratta di affrontare un problema scaricano tutto sui dipendenti. Da 6 giorni che lavoriamo in condizioni disumane, esponendoci in prima persona con la clientela, e nessuno, ripeto nessuno, dei nostri "capi" si è degnato di fornirci una risposta o almeno un "grazie" per gli enormi sacrifici che stiamo sostenendo. Che vengano i nostri dirigenti a servire la clientela OLTRE l'orario di lavoro!!!


Impiegati che chiedono via Facebook ad altri impiegati se l'SDP funziona. Ma come siete le poste, non una catena di salumerie, e per comunicare tra di voi avete bisogno di Facebook?

La palma d'oro per gli interventi più folli va però a Ilaria, sedicente direttore del'ufficio postale di Mirabello Monferrato, che prende di punta i suoi clienti affermando che anche la banca all'angolo, Unicredit, è ferma da giorni. A parte il fatto che probabilmente se è vero è un disservizio locale perché se una delle più grandi banche italiane fosse ferma da giorni si scatenerebbe, giustamente, un putiferio, non è che sarebbe una giustificazione per le poste, credo. Ilaria poi, di fronte a una critica alla distribuzione postale, afferma che non è più affare degli uffici postali, ma di altri enti delle poste, come lei lavorasse alla Standa!


Forse un piano di gestione delle crisi anche in rete e un minimo di educazione dei propri dipendenti al ruolo e ai limiti del ruolo sarebbero molto utili alle Poste Italiane, certo dopo, speriamo, essere riuscite a riavviare i sistemi ;-)

Aggiornamento di mercoledì 8 giugno mattina:

Il malfunzionamento sembra rientrato alle 12 di ieri, o Sarni, amministratore delegato di Poste Italiane, punta il dito su VTAM di IBM. Virtual Communication Access Method è un vetusto e consolidato pezzo di software per la gestione della rete è totalmente esterno alle applicazioni, se cade i terminali non si collegano più, ma per tornare alla situazione precedente e funzionante non ci vogliono certo giorni. Qualcuno riporta una dichiarazione secondo la quale il problema si sarebbe esteso al dB2, il database delle applicazioni.

Confesso che con tutta la mia più fervida fantasia questo meccanismo proprio non lo riesco a capire, ma resta il fatto che anche si fosse corrotto il data base un sistema che abbia un piano di recoery degno di questo nome in tutto quel tempo non solo poteva riportare il sistema operativo alla situazione funzionante, ma poteva ripristinare il database.

Tra l'altro alcune dichiarazioni di dipendenti che incredibilmente raccontano in rete i problemi tecnologici delle poste ci dicono che dove è installato ancora il vecchio sistema, PGO, tutto funzionerebbe mentre si sarebbe fermato tutto dove è stato installato il nuovo SDP. Questo non torna con la versione del problema al VTAM!

Questo totale rimpallo delle responsabilità a me non piace, i responsabili sono comunque i gestori del sistema che devono prevedere strumenti di recovery adeguati e che certamente hanno autorizzato una operazione critica senza che fosse stato predisposto un adeguato meccanismo di roll back.

Resta surreale la gestione della cosa in rete...

Nella home page del sito ancora nulla, nella pagina per la stampa un comunicato scarno che dice che il problema è stato risolto e scarica la colpa su IBM fin dal titolo.

In rete secondo messaggio di scuse e ancora assenza totale della minima gestione dei commenti. In compenso sono saltati fuori altri dipendenti con uscite a dire poco bizzarre!

Stefania non trova nulla di meglio da fare che insultare gli utenti:

Stefania Bruno e vabbè tanto ci siamo abituati agli insulti da parte di gente cafona,,sono un'impiegata ed io non riesco nemmeno ad andare in bagno,non mi stacco mai dalla mia postazione altro ke caffè,,,il disagio è stato causato dal sistema centrale di roma,,cmq vorrei vedere qualkuno di loro al ns posto davanti a un pc,,in posta non esiste solo il bollettino o la raccomandata,,ecct,,non ho paroleeeee....

e continua più avanti reagendo alle critiche per i suoi insulti a dire poco fuori luogo:

Stefania Bruno carlos modera il linguaggio,,,grazie,,vorrei vedere te al ns posto,ahhhh sempre se troverai un posto di lavoro,hihihihihi,,ex postina grazieee tra un pò direttrice,,,poi non ho mai mancato di rispetto ai miei utenti,,anzi,,mi riempivano di regali..

Qui un intervento delle poste a dire la verità c'è, ma è demenziale. Nessuna osservazione per la postina che insulta i clienti, la censura è per il cliente che ha reagito:

Poste Italiane ‎@ Carlos comprendiamo il nervosismo del momento, ma ti preghiamo di moderare i termini e di riportare la conversazione "alla normalità". Grazie.

Non so cosa abbia detto Carlos perché il messaggio è stato cancellato, magari c'erano tutti gli estremi per riprenderlo, ma non fare una piega davanti a una ex postina quasi direttrice che da tranquillamente del cafone alla propria clientela credo sarebbe stato il minimo! Carlo poi si è scusato, Stefania no!

La convinzione che i clienti siano quanto meno piuttosto incoerenti sembra fortemente radicata nel personale delle Poste che evidentemente non sa nulla di quello che succede nelle Banche:

Cetty Formicola Sono fiera di lavorare in Poste Italiane e mi chiedo cosa avrebbero fatto i "colleghi" bancari se si fossero trovati al nostro posto. La differenza sta solo nella clientela, che nei nostri uffici si comporta da leone, aggredendo ed offendendo, e da pecora nelle banche, abbassando la testa senza batter ciglio. Domani sarà un giorno migliore…

Non credo servano altri commenti...

5 commenti:

  1. Roberto,
    chiedo scusa per l'intervento leggermente OT ma approfitto della tua ospitalità per porre una serie di domande legate a questa situazione.

    Come mai anche quando la gestione di parte di quei servizi - oggi oggetto di sospensione e causa di ritardi - era affidata a una società (esterna) competente le migrazioni erano sostanzialmente "indolori"?

    Come mai nessuno ha mosso un dito per il salvataggio di quell'azienda (parlo di quella vera, non l'ultima scatola vuota della catena) che gestiva buona parte dei servizi della PA e cui il Governo deve ancora oltre una 20ina di mln di euro per servizi e programmi regolarmente fatturati e mai pagati? Ah, sì, è vero: Tremonti ha detto che non abbiamo manifestato interesse ad essere pagati. Chissà a che cosa serviranno mai le fatture...
    E chissà cosa penseranno di questa situazione i circa 2000 lavoratori lasciati a casa per permettere quello scempio.
    Ma in che paese viviamo?

    Grazie per l'ospitalità.
    Cordialmente,

    RispondiElimina
  2. Caro Roberto,
    a questo punto capisci perche' ti invidio, te e la tua casetta in Costa Azzurra?
    A te sembra possibile che un titano come Poste Italiane sia cosi' malconcio da non sapere comunicare un evento del genere? (mi piacerebbe sapere quanto prende di stipendio il responsabile della comunicazione di Poste Italiane).

    Claudio P.

    RispondiElimina
  3. Gli avevo dato della cafona..sono io carlos!

    RispondiElimina
  4. Io ho dovuto fare un reclamo formale contro la sig.ra D'arienzo perché si è permessa troppe libertà e insulti in altri post. Spero che serva a qualcosa, ma visto che nessuno né fra i colleghi né nell'amministrazione della pagina FB si scandalizza, deve essere pratica comune e accettata.

    RispondiElimina
  5. Purtroppo è da queste situazioni che si evince l'arretratezza di molte aziende ed il mancato utilizzo di servizi di Social Networking, nei quali l'istituzione della propria pagina ufficiale non rappresenta il punto di arrivo.

    Quello che mi spaventa di tutta questa storia, è che ci sono delle persone che parlano su Facebook PER la propria azienda, ed è facile in situazioni come queste, mostrare un animo esasperato NON comprendendo che si lede l'immagine dell'azienda stessa (si può contestualizzare questo caso per qualsiasi tipo di azienda). Probabilmente bisognerebbe sensibilizzare i propri dipendenti, in quanto il messaggio inviato potrebbe avere una risonanza maggiore rispetto ad uno sfogo con un parente/amico.

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget

Qualche esperimento...