domenica, agosto 07, 2011

Lettera aperta a Christian Boiron


Caro Christian, non ci conosciamo, ma hai una faccia aperta e simpatica e sono sicuro che sarai pronto a rispondere a questa mia lettera sincera e costruttiva.

Qualche giorno fa ho saputo che hai minacciato di denunciare il blog Blog(0) per avere pubblicato alcuni dubbi sulla efficacia della terapia omeopatica sulla quale hai costruito il tuoi impero.

Ti dico come la ho capita io:

1) Tu vendi acqua, costa molto più della benzina, ma sempre di acqua si tratta! Non ripeto il calcolo che è stato fatto da molti, ma regole inequivocabili della chimica, sono laureato in ingegneria chimica e queste cose si studiano al primo anno, ci dicono che arrivati a una diluizione 12C se in una confezione c'è una molecola, una sola molecola, del principio attivo sei fortunato.

Del resto come ben sai non esiste alcun metodo analitico capace di distinguere tra il contenuto di un tuo flacone e l'acqua ed è per questo che puoi vendere prodotti anche molto pericolosi senza alcuna ricetta.  Io berrei senza alcun problema tutto l'armadio dei farmaci omeopatici della mia farmacia sicuro che non ne avrei alcun problema.

2) A questa inequivocabile obiezione rispondi che grazie alla dinamizzazione l'acqua ha memoria dei principi attivi con i quali è stata a contatto.  Difficile immaginare un meccanismo logico per il quale questo succeda, ma c'è un altro problema: da 12C in poi nella metà dei flaconi (il valore è approssimativo perché dipende dal peso molecolare del prodotto, ma la cosa è peggiorativa) c'è acqua purissima che viene diluita ulteriormente con acqua purissima.  Dovremmo dunque pensare che non solo l'acqua ha memoria, ma è anche capace di trasmettere questa memoria ad altra acqua pura.  A questo punto mi chiedo a quanti prodotti è stata esposta questa acqua nella sua storia?  Quanti prodotti "ricorda".

Forse hai trovato il modo di cancellare la, non misurabile, memoria dell'acqua?  Se non è misurabile come diavolo fai a sapere che non mi stai somministrando la memoria  di chissà quali strani principi attivi con i tuoi prodotti?

Solo un lavoro, che io sappia, è stato fatto per cercare di dimostrare questa proprietà dell'acqua, quello tristemente famoso e immediatamente sbugiardato di Benveniste.  Come fate a sapere che l'acqua ha memoria?

3) Certo un farmaco può essere efficace anche se non si conoscono i meccanismi di azione, ma almeno dovrebbe essere dimostrata l'efficacia con metodi di sperimentazione in doppio cieco che sarebbero facilissime visto che in linea di massima con la omeopatia non si curano malattie mortali per le quali questo tipo di sperimentazione presenta gravi problemi etici.

Visto che siete tanto convinti della efficacia della omeopatia come mai non fate esperimenti del genere?  Io li ho cercati, ma ho trovato solo quello di Lancet che dice che non c'è sostanziale differenza tra omeopatia e placebo.

Questa è la storia come la ho capita io, probabilmente ho capito male.

Aspetto fiducioso una risposta.

Roberto Dadda

PS U/n consiglio: trovati un esperto di social media e di presenza in rete perché il modo con il quale avete reagito è suicida!  Moltissimi di noi non sapevano nemmeno che il blog Blog(0) esistesse, ma avete fatto di tutto per dargli visibilità.  Io faccio il consulente anche in quell'argomento, chiamami che ti faccio lo sconto!




11 commenti:

  1. Grande!! Chissà se risponde:-)
    Complimenti.

    Rosa Contino

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  3. Il post di Maverick è stato eliminato da me, la cosa mi succede molto raramente, perché fa accuse gravissime contro un persona della quale mette nome e cognome in un post anonimo e la cosa non mi pare seria.

    Maverick dice che un medico omeopatico ha consigliato alla radio un fantomatico vaccino omeopatico (due termini che non ha senso mettere insieme, Pasteur si sta rotolando nella tomba dal ridere,,,) per il tetano a una mamma il cui bambino si era tagliato in spiaggia.

    In questo caso i fessi sono due: la mamma che invece di andare in PS si rivolge alla radio e questo medico che da consigli alla radio per una cosa del genere. Il fatto che il consiglio fosse demenziale è tutto sommato secondario!

    Aggiungo che considerare Christian Boiron colpevole delle malefatte di qualsiasi medico omeopatico del mondo non ha alcun senso.

    RispondiElimina
  4. Sarei molto curioso di conoscere la risposta, anche se dubito che risponderà.
    Complimenti per il post,
    Michele

    RispondiElimina
  5. Ecco, è la numero 2) l'obiezione più sensata e trascurata sulla memoria dell'acqua.

    Considerando che l'acqua prima o poi è per forza venuta a contatto con le feci di qualche animale, o direttamente o tramite contatto con altra acqua (ok, trascuriamo l'acqua giovanile... ma che percentuale sarà del totale?) possiamo sintetizzare con il motto dell'Istituto Americano per la Distruzione della Scienza della Fatina dei Denti:

    If water has a memory, homeopathy is full of sh**!

    RispondiElimina
  6. E' da tempo immemore che si fanno queste osservazioni a chiunque creda all'omeopatia, ma niente riesce a scalfire la granitica convinzione che questa funzioni.

    Segnalo per chi volesse approfondire gli articoli raccolti negli anni dal CICAP all'indirizzo
    http://www.cicap.org/new/articolo.php?id=101944
    o i più recenti col punto della situazione nello Speciale Omeopatia di QueryOnline in Collaborazione con OggiScienza
    http://www.queryonline.it/category/speciale-omeopatia/

    Byez

    RispondiElimina
  7. Bel post, ma caduta finale di tono. O sei ingegnere chimico o sei consulente sui social media. Con tutte e due, fai la figura dell'omeopata :)

    RispondiElimina
  8. @anonimo Bizzarra questa idea per la quale si è obbligati a fare tutta la vita un lavoro legato alla propria laurea!

    Ti stupirò: non solo mi occupo anche di quello, ma lo insegno pure in università...

    RispondiElimina
  9. In questo caldo agosto la miglior cura omeopatica è farsi un tuffo in mare. Di certo ci sono in dose omeopatica i principi attivi di cui ho bisogno per star bene. Sarò minimalista ma è gratis.

    RispondiElimina
  10. ooo che bello un'altro esperto a cui posso esporre la cosa su cui più si arrovella il mio cervello pensando all'omeopatia: l'acqua ha una memoria selettiva ? e nelle diluizioni ricorda solo le cose buone ? ... anche assumendo che da Avogadro a Perrin fumavano pesante ... se diluisci 1000 volte per rarefare gli effetti negativi 1000 volte meno efficaci saranno anche quelli positivi .... nooo ?

    R/Alessandro

    RispondiElimina
  11. @alessandro Infatti, a meno che non ipotizzi la mai dimostrata capacità dell'acqua di ricordare prodotti con i quali è stata messa in contatto.

    roberto

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget

Qualche esperimento...