lunedì, gennaio 26, 2009

Quando si dice "sibillino"...


Una delle lezioni che tengo al mio corso di Web design è sulla "ambiguità" e cerco di spiegare ai miei studenti come sia importante evitarla sia nella scrittura dei testi sia nella progettazione della interfaccia.

Sono sempre a caccia esempi e questa mattina ascoltando alla radio le dichiarazioni attribuite al ministro Brunetta sulla informatizzazione delle scuole italiane ne ho sentito uno deliziosamente surreale.

Il ministro sembra avere detto che entro non ricordo bene quale data "sarà informatizzato il cento per cento dei principali istituti scolastici".

Cosa vuole dire?  Chi decide quali siano i "principali"?

Mi sono ricordato della frase della Sibilla Cumana: "Ibis redibis non morieris in bello ".  A seconda di come viene letta dice al preoccupato legionario romano che parte per la guerra due cose piuttosto diverse!

bob

2 commenti:

  1. Ma " il cento per cento dei principali istituti" è bellissimo!

    Sono degli artisti!

    Un po' come "Gratis a 9 EUR/mese":

    Gratis a 9 EUR/mese

    RispondiElimina
  2. Ma come si fa a sentire queste cose?

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget

Qualche esperimento...